Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Gala, è emergenza idrica: effettuato sopralluogo con il tecnico del comune

Autore: . Pubblicato il 11 agosto 2017. Inserito in Attualità, Di quartiere in quartiere.

Lo scorso 9 agosto, su richiesta dei componenti del Comitato Cittadino di Quartiere Gala, presieduto da Nino Manuri, è stato effettuato un lungo sopralluogo nelle zone della frazione collinare Gala e nelle zone limitrofe per verificare le cause della crisi idrica che negli ultimi due mesi sta investendo la nostra città e, in particolar modo, il centro collinare.

Venticinque giorni di carenza idrica non sono facili da affrontare, soprattutto se ad avere necessità dell’acqua sono bambini ed anziani che abitano in zone del paese dove non è possibile sopraggiungere in autobotte. “Ho mio marito ammalato ed entrambi siamo anziani, non sappiamo come fare! – dichiara una signora, abitante di un vicolo della via Monastero – Da 15 giorni non abbiamo nemmeno un goccio d’acqua, mentre prima riuscivamo a gestirci con quel poco che arrivava di notte. Nemmeno l’autobotte può aiutarci, qui non arriva e le loro pompe sono troppo corte per essere lanciate dalla via Gala Migliardo a qui, tramite le campagne o tramite la via principale.” La sua disperazione e la rabbia come quella degli altri residenti fa accendere gli animi del paese ed i residenti hanno sottolineato all’ing. Torre, tecnico del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto, quali sono le perplessità, le necessità, le emergenze che quotidianamente è necessario affrontare per vivere. “Qui è terra d’acqua –  aggiungono – perchè deve verificarsi una situazione del genere?”

Pozzo Sipio, Contrada Loriceto alla fine della Via Catrini, Pozzo Cappa, pozzetti lungo la via Santa Venera Gala: questi i luoghi passati al setaccio dal Comitato di quartiere insieme all’ing. Torre che si è messo a disposizione per andare a verificare, sui luoghi, che la manutenzione sia adeguata e capire la causa di questa siccità ritenuta inspiegabile dalla popolazione della frazione. “Di solito, l’acqua sale da Santa Venera e da questo Pozzo viene distribuita a parte della frazione”- ricordano i componenti del comitato davanti a Pozzo Sipio, sottolineando che la zona Serro di Gala è priva di acqua da 15 giorni e boccheggia da 25. Secondo i cittadini, quindi, deve trattarsi di una perdita, “perchè di siccità – aggiungono – non si può certo parlare, in queste zone dove l’acqua si perde!”

Dal sopralluogo, però, pare non sia emerso niente di strano, a parte una perdita lungo il tratto Santa Venera – Gala, della quale non si conosce la provenienza e non si è sicuri che si tratti di acqua comunale. La lunga mattinata non ha portato ad una soluzione e questi risultano essere giorni difficili per gli abitanti della frazione che si sono lamentati anche dell’assenza dell’Assessore al ramo, Tommaso Pino.

“L’acqua non c’è più con la portata degli anni passati, in quanto si è avuta una riduzione di apporto dei pozzi – spiega l’ing. Torre – Questo non è risolvibile in questo momento. I problemi sono diversi. Oltre all’apporto di acqua dei pozzi e della siccità, c’è, tra l’altro, anche un non corretto utilizzo di acqua. Io spero vivamente che ci sia una perdita sulla quale intervenire che comporterebbe una soluzione immediata, ma se non c’è una perdita o non è visibile la cosa diventa più complicata.”

Sulle insinuazioni che hanno avanzato i residenti della frazione riguardanti il flusso di acqua provenienti da uno dei pozzi che serviva Gala e che adesso sembrerebbe servire altri quartieri limitrofi ma più lontani rispetto al pozzo, l’Ingegnere preferisce non rispondere per non entrare in polemica. “L’acqua è pubblica – dichiara – queste mi sembrano polemiche inutili.”

Intanto la polemica infiamma tra i rappresentanti politici, anche se a farne le spese sono ancora i cittadini e le loro classi più deboli.

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA