Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Residenti in altri comuni gettano rifiuti a Barcellona, l’interrogazione consiliare del Pdr Sicilia Futura

Autore: . Pubblicato il 1 settembre 2017. Inserito in Attualità, Politica.

Il gruppo Pdr Sicilia Futura, attraverso un’interrogazione presentata dal consigliere Gaetano Pino, sollecita l’assessore con delega all’ambiente Tommaso Pino a prendere provvedimenti per risolvere la questione rifiuti che in particolar modo interessa i quartieri ai confini del territorio barcellonese come Sant’Antonio e Oreto. Spesso infatti si assiste a persone residenti in altri comuni che si recano appositamente a Barcellona Pozzo di Gotto per gettare cumuli di rifiuti.

Uno stralcio dell’interrogazione presentata dal consigliere Gaetano Pino a nome del gruppo consiliare Pdr Sicilia Futura “Infatti capita sempre più spesso di incrociare veicoli provenienti da altri comuni che scaricano nei nostri cassonetti cumuli di rifiuti. Si tratta di un fenomeno alquanto grave che nuoce al già precario decoro urbano, che ha ripercussioni sotto l’aspetto igienico sanitario, ma anche sotto il profilo economico perché aumenta il quantitativo di rifiuti che la città di Barcellona Pozzo di Gotto conferisce in discarica. Già altre volte il gruppo Pdr è intervenuto in aula per sollecitare l’amministrazione rispetto alla complessa questione della gestione dei rifiuti perché la nostra città è molto lontana dal raggiungimento degli obiettivi prefissati, e questo fenomeno dell’accoglimento indiscriminato dei rifiuti delle altre città, che nella stagione estiva è notevolmente acuito, aggrava la situazione”.

Il Pdr Sicilia Futura sollecita l’amministrazione comunale di Barcellona Pozzo di Gotto ad intervenire, cercando di porre fine a quello che è un vero e proprio malcostume che si sta diffondendo sempre più “Come ha ben illustrato Gaetano Pino in aula, il gruppo Pdr Sicilia Futura chiede all’Amministrazione di attivarsi per installare dei sistemi di video sorveglianza od altri deterrenti per scoraggiare questo fenomeno e punire i trasgressori, inoltre chiede che si adoperino per interloquire con i sindaci dei comuni dell’hinterland (che hanno evidentemente un vantaggio facendo smaltire a noi i rifiuti prodotti nelle loro cittadine) affinché si argini questo malcostume”.