Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Terme V.: si sblocca la situazione relativa al P.R.G., soddisfatto Sottile

Autore: redazione. Pubblicato il 13 settembre 2017. Inserito in Attualità, Terme Vigliatore.

Angelo Sottile, coordinatore politico del gruppo “Nuova Rinascita”, esprime, anche a nome di tutto il Gruppo, grande soddisfazione a seguito delle battaglie sostenute per l’avvenuta deliberazione del Consiglio Comunale di Terme Vigliatore sulla “revisione generale Piano Regolatore Generale R.E. e N.A. approvazione relazione dell’Ufficio Tecnico comunale e controdeduzioni ex art. 4 della L.R. 71/78”.

Sottolineando la grande importanza di quanto avvenuto sia sotto il profilo istituzionalene, Sottile parla di “recupero della centralità ed esclusiva competenza del Consiglio in materia di programmazione urbanistica-territoriale, ma anche recupero e controdeduzione all’eliminazione da parte del C.R.U., importanti ipotesi di sviluppo, sia nel campo dell’edilizia residenziale collinare con il reinserimento delle zone “C4” e soprattutto riproponendo, come scelta di pianificazione del Consiglio Comunale, l’area industriale ex ASI, unica possibilità di sviluppo delle attività produttive sul territorio e la viabilità strategica collegata ( collegamento diretto, attraverso un ponte, allo svincolo autostradale di Barcellona P.G.), la cui parte ricadente in territorio di Barcellona P.G. è già approvata nel relativo P.R.G., fatto questo che si valuta di vitale importanza per ogni ipotesi di sviluppo futuro.”

Il coordinatore di “Nuova Rinascita”, dunque, ringrazia i Consiglieri Comunali Cagigi, Sottile, Crisafulli, Trifiletti, Gennaro, Cipriano, Papa, per il senso di ritrovata sensibilità e responsabilità che ha consentito, una valida riunione del Consiglio Comunale e la deliberazione, su proposta condivisa, all’unanimità, sul Piano Regolatore Generale e ringrazia, altresì, “tutti coloro che con il loro impegno hanno sostenuto la nostra battaglia, e contribuito a creare un clima favorevole e conducente, al senso di responsabilità di tutti; in particolare le Istituzioni Regionali competenti e soprattutto gli organi d’informazione, più seguiti nel territorio.”

“Resta comunque il fermo convincimento – conclude Sottile – che, nonostante quest’atto deliberativo tenterà di salvare il salvabile, questo P.R.G., resta comunque, molto, troppo, carente in particolare è evidente la necessità di un riequilibrio dello sviluppo edificatorio e dei servizi, colmando la situazione in cui si trovano, le frazioni di Vigliatore-Acquitta, e la frazione di S.Biagio, condannati da chi a pensato, redatto, e adottato questo P.R.G. ad un NON sviluppo edilizio che diventa economico, culturale e sociale. Non meno grave per la collettività, lo stralcio, ormai da decenni, della zona a mare a partire dall’autostrada fino a mare, la mancanza di programmazione di quest’area paralizza ogni possibilità di sviluppo turistico, privando la nostra spiaggia e lungomare tra i più belli ed importanti della costa tirrenica, delle strutture ricettive e servizi idonei.”