Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Consegnato al sindaco di Chivilcoy il quadro delle pittrici barcellonesi sullo scambio culturale italo-argentino

Autore: redazione. Pubblicato il 14 settembre 2017. Inserito in Attualità, Cultura.

E’ stato consegnato al sindaco della città argentina di Chivilcoy, Guillermos Britos, il quadro realizzato da quattro pittrici barcellonesi  in occasione dello scambio culturale tra la Pro Loco “Alessandro Manganaro” e il Complejo Historico Chivilcoy e tra la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Barcellona Pozzo di Gotto e la Asociaciòn de Socorro Mutuos Italia di Chivilcoy, che si è svolto dal 26 gennaio all’11 febbraio 2015, con la presenza dei delegati argentini Laura Boleso e il marito Fabian Gonzalez, ospiti della città. A donare il dipinto al sindaco argentino è stata una delegazione del “Centro Culturale Italo-Argentino Chivilcoy”, nato a seguito dello scambio culturale che da alcuni anni si svolge con la città di Barcellona Pozzo di Gotto in Provincia di Messina, grazie all’impegno di Giuseppe Giunta, membro del consiglio direttivo della Pro Loco “Alessandro Manganaro”, e di Laura Boleso, archivista del Complejo Historico Chivilcoy. Il quadro è stato realizzato dalle pittrici Caterina Barresi, Carmen Curcuruto, Anna La Rosa e Nunzia Giaimis, coordinate dallo scultore Vittorio Basile, nei locali della Società Operaia di Mutuo Soccorso messi a disposizione dal Presidente Filippo Castellano, dal vice presidente Eduardo Bisignani e da tutti i componenti del sodalizio.
L’opera, frutto del lavoro di quattro mani diverse, è stata realizzata secondo studi e bozzetti elaborati dalle artiste su come intendevano esprimere la fratellanza tra due popoli lontani, ma con molteplici aspetti culturali e tradizionali in comune e gettare ponte ideale tra le due città messe in parallelo e rese unite dal sentiero del migrante. Per la città di Barcellona Pozzo di Gotto a ispirare le artiste è stata la statua dello scultore Giuseppe Mazzullo (Graniti, 15 febbraio 1913 – Taormina, 25 agosto 1988) visibile nel Monumento dedicato ai caduti di tutte le guerre.  Eretto nel 1970 davanti alla villa comunale, il monumento rappresenta l’anelito verso la libertà inserita in un tipico paesaggio siciliano con alle spalle il maestoso vulcano Etna ed il meraviglioso Mar Mediterraneo ai suoi piedi. Il torrente Longano, che scende dai Peloritani verso la piana e la costa tirrenica, un tempo divideva le due comunità di Barcellona e di Pozzo di Gotto, che oggi sono unite mediante un viale, che ne ricopre l’alveo per quasi un chilometro. Il nome del torrente ricorda il sito archeologico siculo greco di Longane, che sorgeva sulle colline circostanti. Per la città argentina di Chivilcoy in primo piano c’è il Rio Salado, un fiume di grande importanza per lo sviluppo della città, che scorre nella pampa, pianura denominata “mare di terra” con vegetazione erbacea, graminacea e rossi cespugli, ricca di animali al pascolo condotti dai mandriani tipici dell’Argentina, i Gauchos, con alle spalle la Cordigliera delle Ande e un maestoso condor che la sorvola e, infine, non poteva mancare il leggendario Ceibo, fiore nazionale argentino. In alto al centro della tela campeggiano quattro mani che si stringono e su di esse sono stati disegnati i loghi delle associazioni che hanno contribuito alla realizzazione dello scambio culturale.
In occasione della consegna, sindaco di Chivilcoy ha elogiato l’operato svolto dall’Associazione Italo-Argentina e ha affermato che è ben lieto di lavorare al fine di realizzare il gemellaggio e favorire lo scambio culturale con la città italiana di Barcellona Pozzo di Gotto. Si è ripromesso anche di scrivere una lettera al sindaco della nostra città per ringraziarlo dell’opera ricevuta. Da parte sua, il presidente dell’associazione, Laura Boleso ha aggiunto: “Siamo un centro culturale che è nato da poco, ma che da diversi anni ha lavorato con la città di Barcellona Pozzo di Gotto, con la Pro Loco “Alessandro Manganaro” e la Società Operaia di Mutuo Soccorso, grazie all’impegno profuso da Giuseppe Giunta. L’idea è quella di poter diffondere la cultura italiana a Chivilcoy, dal momento che abbiamo molti discendenti di origine italiana”. E ha concluso: “Vogliamo realizzare il gemellaggio con la città di Barcellona Pozzo di Gotto per aprire non soltanto sbocchi culturali, che permetteranno agli artisti italiani e argentini di confrontarsi e di far conoscere le loro opere, ma anche per incrementare l’attività turistica e commerciale tra le due città.” Il sindaco ha, infine, ringraziato Giuseppe Giunta, il sindaco della città di Barcellona Pozzo di Gotto Roberto Materia, la Pro Loco “Alessandro Manganaro”, la Società Operaia di Mutuo Soccorso, gli artisti che hanno realizzato il quadro e tutti coloro che si sono prodigati affinché nascesse questa unione tra due comunità lontane, ma simili per cultura e tradizione.

Il quadro rimarrà esposto nell’ufficio del sindaco all’interno del palazzo municipale di Chivilcoy. Erano presenti alla consegna e alla conferenza stampa, oltre al sindaco, il presidente dell’Associazione italo-argentina Laura Boleso ed i componenti del consiglio direttivo Julieta Vigna, Susana Pascucio, Graciela Brachetti, Beatriz bernal, Alcira Ruiz, Fabiana Rocha.

quadro con cornice quadro 3 quadro 01