Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Barcellona, condannata l’ex dirigente amministrativo del Tribunale per falso e diffamazione

Autore: . Pubblicato il 14 novembre 2017. Inserito in Cronaca, Primo Piano.

Il collegio penale del tribunale di Barcellona ha condannato l’ex dirigente amministrativa della stessa sede giudiziaria, ritenendo fondata l’accusa mossa dalla Procura per falso ideologico e diffamazione commessa nel 2009 nei confronti di una funzionaria dello stesso tribunale. L’imputata è stata assolta invece dall’accusa di abuso d’atti d’ufficio.
Il presidente del collegio Fabio Processo ed i colleghi latere Valeria Gioeli e Francesco Alligo hanno quantificato la pena di 10 mesi con la condizionale e disposto una risarcimento di 10 mila euro, per la parte offesa, che si è costituita parte civile del procedimento.
Secondo quando contestato dalla Procura, che aveva avviato l’inchiesta a seguito della denuncia presentata dal cancelliere Maria Giovanna Vitarelli, l’ex dirigente amministrativo Rita Speciale avrebbe diffamato la stessa funzionaria in una nota di demerito inviata nel 2009 al collegio arbitrale di disciplina del Ministero della Giustizia. Nella relazione si riferiva di un comportamento provocatorio e aggressivo sotto il profilo verbale da parte dalla Vitarelli, all’interno dell’ufficio della dirigente, in presenza del personale esterno all’amministrazione giudiziaria. Nella nota disciplinare, l’ex dirigente amministrativo avrebbe riferito come l’atteggiamento del cancelliere mirasse ad inficiare la correttezza del suo operato e la sua credibilità agli occhi dei presenti. La Procura avrebbe trovato i riscontri che confutarono la tesi dell’imputata, contestando il falso ideologico nella redazione della nota disciplinare, che ebbe ripercussioni anche sulla retribuzione della funzionaria, e la diffamazione con un’incongruenza tra quanto sostenuto della relazione e i fatti accaduti. E’ invece arrivata l’assoluzione perchè il fatto non sussiste in merito al reato di abuso d’atti d’ufficio, che era stato contestato dalla Procura per la mancata cancellazione dal procedimento disciplinare dal fascicolo personale del cancelliere, dopo che il collegio arbitrale aveva annullato il provvedimento.