Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Trieste il congresso nazionale di Fratelli D’Italia, presenti anche diversi barcellonesi

Autore: . Pubblicato il 4 dicembre 2017. Inserito in Attualità, Politica.

4000 delegati provenienti da tutta l’Italia hanno affollato il PalaTrieste per il secondo congresso nazionale di Fratelli d’Italia, svoltosi a Trieste sabato 2 e domenica 3 dicembre. Dalla provincia di Messina, oltre ai due neodeputati Antonio Catalfamo ed Elvira Amata ed al segretario provinciale Giuseppe Sottile, era presente una delegazione di 33 grandi elettori, i quali hanno eletto 5 rappresentanti in Assemblea Nazionale ovvero Federica Musarra, Francesco Basile, Santo Caliri, Daniele Salpietro e Alberto Prestipino. A portare i saluti del presidente della Regione Nello Musumeci, impossibilitato a presenziare per un imprevisto dell’ultim’ora, il neo assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Sandro Pappalardo.

Tra le novità più rilevanti l’adesione a Fratelli d’Italia di Daniela Santanchè e di diversi senatori provenienti da altre forze politiche, tra cui il senatore di Sant’Agata Militello Bruno Mancuso, che ha lasciato Alternativa Popolare. A conclusione dei lavori Giorgia Meloni, rieletta presidente nazionale con una vera e propria ovazione, ha presentato il nuovo simbolo, con il quale verrà lanciata la sfida alle prossime elezioni politiche.

Il commento di questo secondo congresso nazionale di Fratelli D’Italia da parte del coordinatore provinciale per Messina, Avv. Giuseppe Sottile “In soli 5 anni abbiamo fatto un vero e proprio miracolo, raccogliendo il testimone di una storia malamente finita negli intrighi di Montecarlo e riaccendendo la speranza nei cuori di quanti non hanno mai smesso di credere in una destra sociale, che sia forza di governo non solo di opposizione. Estenderemo all’Italia il modello Sicilia ma con maggiore attenzione nelle candidature. A tal proposito il presidente Giorgia Meloni ha lanciato la proposta di una Commissione di garanzia per valutare tutte le candidature, affinché non si ripeta la campagna elettorale Siciliana”.