Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Svincoli autostradali della città metropolitana di Messina, stamane il tavolo tecnico a Palazzo dei Leoni

Autore: . Pubblicato il 5 gennaio 2018. Inserito in Attualità, Provincia.

Procede a ritmo serrato il confronto tra le parti sulla rimodulazione delle opere inserite nel Masterplan e relative ai collegamenti autostradali del territorio metropolitano. Stamani a Palazzo dei Leoni il Commissario straordinario della città metropolitana di Messina, Francesco Calanna, ha presieduto il tavolo tecnico che ha visto l’intervento dei sindaci, dei vertici del Consorzio per le Autostrade Siciliane e dei responsabili tecnici della Città Metropolitana di Messina.
L’incontro ha fatto il punto sulla situazione progettuale che investe la realizzazione degli svincoli di Alì Terme, Monforte San Giorgio, Santa Teresa di Riva, Villafranca Tirrena e Furnari Portorosa.

L’analisi ha evidenziato le diverse realtà dei singoli progetti: per Alì Terme e Monforte San Giorgio si tratta di modesti adeguamenti alla progettazione esecutiva già disponibile e al reperimento delle somme mancanti attraverso la rimodulazione dei finanziamenti attuali. Per lo svincolo di Santa Teresa di Riva i fondi sono disponibili, le procedure sono state già avviate e si attendono le autorizzazioni ministeriali.
Si tratta di opere fondamentali che raccontano le realtà di un territorio – ha affermato il Commissario Calanna – che esprime diversità sulle esigenze dei comprensori coinvolti. Alì Terme e Santa Teresa di Riva hanno urgenza di dare soluzioni alla costituzione di via di fuga che rappresentano elementi imprescindibili per la protezione civile delle popolazioni così come irrinunciabile è lo svincolo di Monforte che insiste in un territorio che vede la presenza della raffineria di Milazzo e del polo industriale di Giammoro”.

Al termine della riunione è emersa la necessità di attuare velocemente le linee di intervento, agendo su quei progetti cantierabili entro il 31 dicembre 2019, affinchè tutti i fondi a disposizione possano essere utilizzati.