Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Discarica di Mazzarrà S.A.: nuova protesta da parte del Sindaco Crimi che si rivolge alla Regione

Autore: redazione. Pubblicato il 10 febbraio 2018. Inserito in Attualità, Provincia.

Il Sindaco di Furnari, Avv. Maurizio Crimi, torna sull’argomento discarica e ribadisce che: “Da anni la comunità è costretta a patire gli effetti nefasti di un ecomostro che troneggia sul costone prospiciente l’alveo del torrente Mazzarrà. E’ imponente con la sua massa abnorme dimorante a poche centinaia di metri dal centro abitato di Furnari. A guardarlo attentamente incute paura e angoscia e nel contempo ammonisce le coscienze pulite.  – e continua  dichiarando che – La messa in sicurezza e la gestione post mortem della discarica, per la quale la Tirreno Ambiente ha già riscosso e dilapidato i soldi dai cittadini, sono le uniche cose da farsi con urgenza atteso che la salute dei cittadini è preminente.”

A toni alti, il primo cittadino furnarese grida la stanchezza dei suoi concittadini a subire e “pagare un caro prezzo per la realizzazione e la gestione della discarica” ed annuncia: ” Dobbiamo unirci affinchè in tutte le sedi istituzionali preposte arrivi il nostro grido di protesta. Come già hanno fatto nella manifestazione del 27 agosto 2107 che ha visto una grandissima partecipazione, i cittadini e le associazioni del comprensorio sono pronti alla mobilitazione collettiva di protesta e di opposizione ove si intenda avviare qualsiasi attività sul sito di C.da Zuppà. A tal uopo, rivolgo formale invito a partecipare all’incontro che si terrà giorno 17/02/2018 ore 17:00 a Palazzo Marziani nel Comune di Furnari. Lo scopo dell’incontro, oltre a sensibilizzare le coscienze, ove ve ne fosse bisogno, è quello di condividere un documento da tutti i partecipanti da inoltrare al Presidente della Regione affinchè abbia conoscenza delle resistenze a cui andrà incontro qualora volesse assecondare l’istituzione di impianti di trattamento su larga scala. Che sappiano.”