Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Santa Lucia del Mela, furto del cellulare, i Carabinieri arrestano 21enne eritrea

Autore: redazione. Pubblicato il 18 febbraio 2018. Inserito in Cronaca, Provincia.

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Barcellona e della Stazione di Santa Lucia del Mela hanno arrestato in flagranza di reato una giovane donna di nazionalità eritrea, la 21enne Gebrengus Hewan, responsabile di furto del cellulare ai danni di una passante.

Il fatto è avvenuto ieri pomeriggio per le strade di Santa Lucia del Mela, quando una donna del posto, appena uscita di casa, si è vista avvicinare dalla ragazza eritrea, che con una mossa repentina le ha sfilato il telefono cellulare dalle mani e vano è stato il tentativo di rincorrerla per bloccarla e recuperare l’apparecchio telefonico. La donna, vista l’impossibilità di recuperare quanto le era stato trafugato, si è subito rivolta ai Carabinieri della locale Stazione di Santa Lucia del Mela che si sono immediatamente attivati e con l’ausilio di un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile, mediante il coordinamento della Centrale Operativa di Barcellona, sono riusciti, grazie alla descrizione fornita dalla vittima e alle prime informazioni acquisite per strada, a rintracciare e fermare la giovane donna eritrea che, alla vista dei militari dell’arma, ha inizialmente cercato di allontanarsi ma ha successivamente desistito per poi essere condotta presso la locale Stazione Carabinieri e consegnare quanto asportato poco prima. La giovane eritrea risulta essere ospite presso il centro di seconda accoglienza canonico “L. Calderonio” di Santa Lucia del Mela.

I Carabinieri hanno, nelle immediatezze dell’accaduto, svolto ulteriori indagini che hanno permesso di scoprire che la giovane si fosse resa autrice del tentativo di furto del portafogli ad una donna, sempre a Santa Lucia del Mela, proprio alcuni momenti prima dell’evento per cui è stata arrestata.  La giovane, al termine di tutte le formalità del caso, è stata accompagnata agli arresti domiciliari presso il citato centro di accoglienza in attesa del giudizio direttissimo. Tutte le attività compiute sono state dirette e coordinate dal Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, Dr. Matteo De Micheli.