Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Un piano di recupero del Complesso dei Basiliani: a proporlo il gruppo consiliare di Sicilia Futura

Autore: . Pubblicato il 13 marzo 2018. Inserito in Attualità, Politica.

Un piano di recupero e riqualificazione del Complesso dei Basiliani di Barcellona Pozzo di Gotto. A proporlo, attraverso una mozione, è il gruppo consiliare di Sicilia Futura, che sembra aver trovato una soluzione per recuperare il bene pubblico di via Immacolata. Più volte nelle scorse settimane le associazioni culturali cittadine avevano chiesto alla politica di intervenire per la salvaguardia di un Complesso che risale al XII secolo e che è parte integrante del patrimonio architettonico e storico della città del Longano.

La nota di Sicilia Futura che chiede all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto Materia di attivarsi al più presto a tutela del Complesso dei Basiliani “Il patrimonio architettonico di una comunità, per il valore storico e culturale che riveste, deve essere sempre tutelato per trasmetterlo alle generazioni future ed è responsabilità nostra intervenire ove necessario come nel caso del Complesso dei Basiliani dell’Immacolata, edificato nel XII secolo. Abbiamo colto il messaggio d’allarme lanciato dalle associazioni culturali cittadine e, anche per questo bene pubblico, abbiamo individuato una soluzione da sottoporre all’Amministrazione Comunale per ottenerne il recupero funzionale. Grazie ad un finanziamento pubblico messo a disposizione dal Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, il Comune potrà recuperare la parte di cui dispone, ovvero il Convento, ottenendo somme fino a 500 mila euro incluse spese di progettazione. Il PSR, infatti, con la sottomisura 7.6 finanzia investimenti relativi alla manutenzione, al restauro e alla riqualificazione del patrimonio culturale e naturale dei paesaggi rurali e promuove il recupero, la tutela e la valorizzazione del patrimonio immobiliare e storico culturale del mondo rurale, con finalità collettive, turistico-culturali e di servizio. Dal punto di vista tecnico il sito risponde pienamente a tutti i requisiti previsti, quali la localizzazione, la complementarità alla strategia di sviluppo locale del GAL e l’indicazione di manufatti di pregio architettonico. Riteniamo che l’occasione sia straordinaria per la Città ed invitiamo l’Amministrazione ad attivarsi al più presto”.