Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Barcellona P:G., “Il Sud Vola” e Alessandro Cacciato entusiasmano l’ITET “E. Fermi”

Autore: redazione. Pubblicato il 9 aprile 2018. Inserito in Attualità, Cultura, School Live.

L’ entusiasmo come incontenibile spinta ad agire e operare dando tutti se stessi è il persistente sentimento che ha invaso tutti coloro, in particolar modo gli studenti, che si trovavano nell’aula magna dell’I.T.E.T. Enrico Fermi di Barcellona Pozzo di Gotto ad ascoltare Alessandro Cacciato, autore del libro “Il Sud Vola”, incentrato sulle difficoltà e sui successi di chi non smette di credere nelle proprie idee.

Lo scrittore si descrive come “un testimone di quello che sta succedendo nel Sud Italia qui e ora”. La sua passione per la comunicazione lo ha portato a creare un format video e radiofonico,  “Edicola dell’Innovazione”, per raccontare ciò che lui definisce “l’effervescenza delle nuove e buone pratiche generate nel Sud Italia”, raccolte in parte anche nel suo libro.

Nell’incontro al Fermi racconta, con appassionata energia, la sua esperienza e collaborazione con la Farm Cultural Park di Favara in provincia di Agrigento. La si potrebbe definire come un luogo magico nato dall’operatività siciliana, da un nuovo modo di pensare, museo d’arte e di persone, testimonianza del voler fare e voler esserci. Andrea Bartoli e la moglie Florinda Saieva nel centro storico di Favara, in un aggregato costituito da piccoli cortili che ospitano piccole case di origine araba in stato di abbandono, attraverso una straordinaria riqualificazione urbana e non solo, senza contributo pubblico, decidono, insieme ad altre menti pensanti e generose, tra cui quella di Alessandro Cacciato, di dar vita ad un centro culturale con annessa anche una galleria d’arte contemporanea che ospita i maggiori artisti emergenti nel panorama internazionale ed attrae energie e talenti da ogni dove. Nasce così una straordinaria oasi di idee, contenuti, persone, capace anche di innovare il tessuto sociale ed economico del luogo. Il Blog Britannico Purple Travel ha inserito Favara al sesto posto nella classifica mondiale delle mete turistiche preferite degli amanti dell’arte contemporanea.  La Farm Cultural Park registra, grazia anche alla fitta rete di relazioni a diversi livelli, circa 120.000 visitatori l’anno con notevoli risvolti economici sul territorio.

Cacciato racconta e testimonia come una comunità tenace abbia cambiato, con un’idea chiara, creativa, intelligente, emozionante la propria storia, partendo dalle risorse umane e culturali del luogo, diventando esempio di un operare positivo, capace di trasformare con volontà e passione un territorio. Tutto ciò ha creato una nuova identità per la città di Favara, un orgoglio collettivo, la consapevolezza che il Sud con le proprie risorse può generare cultura, arte, rinascita, sviluppo. L’autore, con questa e con altre storie di giovani innovatori, iniziate in territori isolati e con risorse minime, invita gli studenti a prendere in pugno il loro futuro e, grazie anche al poter delle nuove tecnologie che hanno creato cambiamenti profondi a livello economico, ad intraprendere percorsi di crescita per loro e per il luogo in cui vivono affinché i loro sogni trovino spazio.

Unire intelligenze, idee, competenze, nuove visioni di sviluppo per fare e fare bene affinché si possa essere emozionati ed entusiasti della propria vita.

Si è rivelato dunque efficace e produttivo l’incontro- dibattito con Alessandro Cacciato, la cui presenza al Fermi è stata voluta dall’ attenta Dirigente Antonietta Amoroso, sempre desiderosa di promuovere ogni opportunità di crescita per i suoi studenti.

Alessandro C. con Dirigente Amoroso

Alessandro C. con V cat (1) (1)

Alessandro Cacciato con Dirigente ed alcuni professori (1) (1)