Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’on. Catalfamo: “L’autonomia dell’ospedale di Barcellona è un traguardo importante”

Autore: . Pubblicato il 21 giugno 2018. Inserito in Attualità, Politica.

L’on. Antonio Catalfano esprime tutta la sua soddisfazione per il contenuto della bozza della nuova rete ospedaliera regionale, che per il Presidio di Barcellona Pozzo di Gotto mantiene il pronto soccorso e i reparti collegati. “In questo modo – afferma il deputato barcellonese – si potrà garantire parte di quei servizi attinenti alla gestione delle emergenze-urgenze. E’ un risultato per nulla scontato perché nonostante la nomenclatura di ospedali riuniti tra Milazzo e Barcellona, per avere due pronto soccorso distinti si è dovuto andare in deroga alle indicazioni ministeriali. La struttura di Barcellona, definita presidio di base, viene scorporata quindi dalla rete con Milazzo prevista dal governo Crocetta. Un risultato condiviso grazie al lavoro di interlocuzione con i sindacati e da tutta la deputazione di Barcellona ma soprattutto per la sensibilità dell’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza.”

Il capogruppo di Fratelli d’Italia all’Ars sottolinea poi il risultato raggiunto su base regionale con l’aumento dei posti letto e la riduzione dei primariati: “in Sicilia – afferma Catalfamo – ci saranno oltre 170 posti letto in più rispetto a quelli attivi nel 2016 e ci saranno circa 150 unità complesse in meno con una contrazione delle poltrone da primario”

Anche il Responsabile aziendale Uil Fpl area medica, il dottor Paolo Calabrò esprime soddisfazione per il nuovo ruolo che il P.O. dovrebbe assumere in considerazione della nuova rete ospedaliera ed auspica che l’attenzione della deputazione regionale rimanga sempre alta sulla questione. “Mi sono costantemente confrontato con l’On.Catalfamo sulla questione ospedale ed ho apprezzato da subito il suo interesse e coinvolgimento, andando a rappresentare con concretezza le giuste istanze all’assessore regionale alla salute Razza.”