Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Si autoaccusa di un reato per salvare il padre, assolto minorenne barcellonese

Autore: redazione. Pubblicato il 8 luglio 2018. Inserito in Attualità, Cronaca, Primo Piano.

Era stato interrogato senza la presenza del suo avvocato, il minorenne barcellonese di 16 anni che aveva mentito ai Carabinieri per evitare l’arresto del proprio padre.

Il ragazzo aveva assistito all’ennesima lite domestica tra i genitori durante la quale la donna era stata colpita con violenza dal marito. All’intervento tempestivo dei Carabinieri era immediatamente seguito il suo interrogatorio da parte dei militari che hanno agito tempestivamente per accertare il reato di lesioni gravi nei confronti del marito .

Il giovane, per salvare il padre dell’arresto in flagranza, si era autoaccusato di essere l’autore dell’aggressione nei confronti della madre. Gli investigatori tuttavia non hanno creduto al suo racconto, reso senza la presenza del suo difensore e pertanto lo hanno denunciato per il reato di autocalunnia finalizzato al favoreggiamento nei confronti del padre, il vero autore delle lesioni.

Nel giudizio d’appello  è stato dimostrato che il giovane non poteva essere interrogato senza le garanzie di Legge, senza la presenza dell’avvocato ed inoltre, non era stato avvisato che nello specifico poteva avvalersi della facoltà di non rispondere trattandosi del prossimo congiunto.

La Corte ha ritenuto concreto il vizio di procedura ed ha assolto con formula piena il minorenne accogliendo la tesi del difensore avv. Gaetano Pino.