Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Barcellona, trasporto scolastico: il pre dissesto impone la soppressione di tre linee

Autore: . Pubblicato il 12 settembre 2018. Inserito in Attualità, Primo Piano.

Le critiche condizioni finanziarie del comune di Barcellona Pozzo di Gotto, difatti in una fase di predissesto finanziario, hanno costretto l’amministrazione comunale ad una rimodulazione delle linee di trasporto scolastico, e nello specifico ad un taglio dei servizi che ha portato alla soppressione di tre linee: linea Sant’Antonio, linea Cairoli e linea Pozzo Perla. La giunta Materia e l’assessore alla cultura e pubblica istruzione, Ilenia Torre, sono riusciti a salvare il trasporto scolastico per le frazioni collinari e saranno garantite tutte le linee in house, ovvero quelle direttamente gestite con mezzi e personale comunale, al fine di ridurre i costi, nell’ottica di un contenimento delle spese. Sui social è divampata la polemica sulla soppressione delle tre linee cittadine di trasporto scolastico ma in verità l’amministrazione non avrebbe potuto fare diversamente. Inoltre il servizio non è ancora partito perché solitamente prende avvio in coincidenza dei servizi di mensa scolastica, il cui inizio è fissato per l’1 ottobre. Nessun ritardo o disservizio.

La nota dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Roberto Materia, che fa chiarezza su quanto avverrà in tema di trasporto scolastico a Barcellona Pozzo di Gotto e che riportiamo integralmente: “Con l’avvio dell’anno scolastico 2018/2019, nell’ottica di riscontrare positivamente le indicazioni dei revisori dei conti e della magistratura contabile, si è resa necessaria una rimodulazione delle linee di trasporto scolastico. Ed infatti, la normativa vigente prevede la sussistenza di precise condizioni, quali elementi fondamentali per il mantenimento del servizio. Va innanzitutto chiarito che in virtù di espressa previsione legislativa è la Regione a dover pagare le spese per il trasporto ma, in verità, da anni il nostro Comune non riceve alcun rimborso da parte dell’Ente preposto. Nel contempo, è disposto che il servizio venga garantito nel rispetto di ben precisi parametri territoriali, dei quali si è tenuto conto nell’individuazione delle tre linee soppresse, ovvero: linea Sant’Antonio; linea Cairoli; linea Pozzo Perla. La scelta delle tratte da mantenere è stata effettuata con il supporto dei competenti uffici comunali, in relazione al numero di domande pervenute ed alla distanza della residenza degli studenti dai singoli plessi. Continueranno ad essere garantite tutte le linee di trasporto “in house”, direttamente gestite con mezzi e personale comunale, al fine di ridurre al minimo i costi e saranno garantite due delle cinque linee esternalizzate. Tutti gli studenti che frequentano plessi non serviti da scuolabus potranno comunque usufruire, su richiesta, del rimborso dei biglietti AST ed a tutti coloro che frequentano istituti non presenti sul territorio del nostro Comune sarà rimborsato il costo del trasporto effettuato con mezzi pubblici. Tale decisione contempera l’esigenza dell’utenza scolastica con le attuali difficoltà economiche del nostro comune. Ed infatti, nonostante l’attuale situazione finanziaria e pur essendo in fase di attuazione del piano di riequilibrio, il comune di Barcellona Pozzo di Gotto, comunque, resta uno dei pochi Enti della Regione Sicilia a non aver soppresso completamente questo servizio ed aver garantito un numero di corse che, seppur ridotte, sono state rimodulate in modo da limitare al minimo i disagi. Per qualsiasi informazione e/o chiarimento l’utenza potrà rivolgersi all’ufficio pubblica istruzione, al dirigente di Settore, Dott.ssa Marina Lo Monaco ed al Dott. Sergio Munnia ai recapiti di seguito indicati: telefono: 0909790335 – mail: istruzione@comune.barcellona-pozzo-di-gotto.me.it; pec: comunebarcellonapdg@postacert.it)”.