Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Barcellona, si rinnova l’appuntamento con i mercoledì della spiritualità: focus sulla figura del Beato P. Tito Brandsma

Autore: . Pubblicato il 11 ottobre 2018. Inserito in Attualità.

Si rinnova a Barcellona Pozzo di Gotto l’appuntamento con i mercoledì della spiritualità, organizzato dalla Fraternità Carmelitana della città del Longano. Gli incontri si celebreranno ogni mercoledì, a partire dal 17 ottobre e sino al prossimo 28 novembre, dalle 20 alle 21 nella sala del convento della Fraternità Carmelitana di Barcellona Pozzo di Gotto

“Quest’anno- si legge in una nota diffusa dalla Fraternità Carmelitana- vogliamo evidenziare la figura del carmelitano olandese, il Beato P. Tito Brandsma, martire del nazismo nel campo di concentramento di Dachau il 26 luglio 1942. Il frate carmelitano Tito Brandsma fu professore di filosofia, di spiritualità e di mistica all’Università di Nimega; fu anche giornalista e assistente spirituale dei giornalisti olandesi. In comunione e in sintonia con i vescovi olandesi e con un’ampia maggioranza del popolo olandese, P. Tito, sensibile alla dignità della persona umana e alla presenza di un cattolicesimo adulto, oppose, da uomo e da cristiano, la sua resistenza all’ideologia pagana e disumana del nazismo, difendendo con coraggio la libertà del popolo olandese, la libertà della stampa olandese e l’esistenza delle minoranze religiose, in particolare quella degli ebrei e del popolo armeno. Per tutto questo, in odio alla fede cristiana – che professava senza arroganza ma con coraggio e rispetto per tutti – P. Tito fu deportato e ucciso nel campo di concentramento di Dachau con una iniezione di acido fenico. Lo stile di vita umano e cristiano, assieme al suo spessore culturale che lo rese attento e sensibile al movimento delle idee del suo tempo, fanno del Beato Tito Brandsma una persona credente di grande attualità per il nostro tempo, un “profeta-sentinella” capace di vegliare nella “notte della storia” (Isaia 21,11-12) perché animato da una mistica cristiana che sa tenere “gli occhi aperti sul mondo”. Pertanto le tematiche degli incontri, indicate nel programma, ci aiuteranno ad accostarci all’esperienza di P. Tito, con uno sguardo volto a discernere la temperie socio-culturale ed ecclesiale che attraversa l’oggi della nostra storia”.

Il primo incontro è fissato per mercoledì 17 ottobre: verrà tracciato il profilo biografico di P. Tito Brandsma, a cura di Aurelio Antista. Mercoledì 24 ottobre l’incontro dal tema “Il frate carmelitano: amico di Dio nella compagnia degli uomini”, a cura di Egidio Palumbo. Una settimana dopo l’intervento di Gregorio Battaglia sul tema “Il giornalista in difesa della libertà e delle minoranze”. Il 7 novembre interverrà Alberto Neglia sul tema “La radice mistica del suo impegno di professore universitario e di giornalista”. Il penultimo appuntamento prevede l’incontro sul tema “Il carcere al campo di concentramento di Dachau: la via crucis esistenziale di P. Tito”, sempre a cura di Alberto Neglia. L’ultimo incontro è fissato per mercoledì 28 novembre. “L’icona del B. Tito Brandsma martire “scritta” da Pia Giannetto”. L’icona sarà benedetta, domenica 25 novembre, dal P. Fernando Millán, Generale dei Carmelitani, durante la celebrazione eucaristica delle 18 presso Chiesa del Carmine.