Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Terme V.: “Decadimento dei corretti rapporti istituzionali”, i Dirigenti Scolastici solidali alla Prof. Marano

Autore: redazione. Pubblicato il 12 novembre 2018. Inserito in Attualità, Provincia, Terme Vigliatore.

E’ di questa mattina una nota a firma dei Dirigenti Scolastici della Provincia che esprimono solidarietà nei confronti della collega, prof.ssa Enrica Marano, dopo la pubblicazione sul sito del Comune termense di un atto indirizzato a lei, in qualità di Dirigente Scolastico.

All’interno della comunicazione, i Dirigenti “chiedono con forza a tutti i rappresentanti delle istituzioni civili, alla Scuola e a chi in essa e per essa opera venga riservato il rispetto che si deve ad una Istituzione dello Stato che in nessuna circostanza e per nessun motivo possa essere consentito che l’interlocuzione istituzionale si sposti dal piano amministrativo a quello socialmediatico, attraverso un uso improprio dei siti istituzionali, finendo così per fomentare occasioni pubbliche di disistima e sfiducia.”

In particolare, si legge nella nota la seguente premessa: “Noi Dirigenti Scolastici esprimiamo la nostra più grande solidarietà alla prof.ssa Enrica Marano, Dirigente Scolastico dell’ I.C. di Terme Vigliatore. L’esposizione mediatica alla quale viene sottoposta la prof.ssa Enrica Marano, attraverso la pubblicazione sul sito del Comune di Terme Vigliatore di un atto indirizzato alla stessa prof.ssa Marano, all’Usr Sicilia e p.c. al comando dei Carabinieri di Terme Vigliatore, è espressione del decadimento, nell’era digitale dei social, dei corretti rapporti istituzionali tra Enti Pubblici. Premesso che il sito istituzionale del Comune non è luogo deputato ad esprimere diffide a rappresentanti legali di altre pubbliche istituzioni; – dichiarano- ritenendo superfluo affermare che la Prof.ssa Marano ha sempre orientato, con grande competenza umana e professionale, la sua azione per far maturare una coscienza civile rinnovata ed una cittadinanza responsabile; nella ferma convinzione che il contesto scolastico, per l’alto valore educativo, deve sempre rimanere sereno e fiducioso e garantire a ciascuno, secondo il proprio ruolo, di poter svolgere con assoluta serietà e rigore i compiti assegnati, dispiace constatare che il rappresentante dell’Ente Locale, nella interlocuzione amministrativa con il Dirigente Scolastico, finisca per esprimere, con la pubblicazione non dovuta sul Sito istituzionale del Comune, un gratuito attacco a chi svolge il compito di garantire che il diritto all’istruzione sia esercitato nel pieno rispetto delle leggi, dei ruoli e delle competenze.”