Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ottima sinergia dell’associazionismo cittadino per “Giornalismi”, l’incontro sulle fake news

Una tavola rotonda per fare il punto sul nuovo modo di fare giornalismo e sulla rivoluzione che i media moderni attuano quotidianamente sulle professioni.

Autore: . Pubblicato il 20 novembre 2018. Inserito in Attualità, Cultura, Primo Piano, Provincia.

Giornalismi – La difficile convivenza con fake news e misinformation” di Francesco Pira e Andrea Altinier (Libreria Universitaria Edizioni) è stato lo spunto per approfondire temi di importante caratura ed estrema attualità, durante la tavola rotonda tenutasi presso il Parco Maggiore La Rosa di Barcellona Pozzo di Gotto lo scorso venerdì 16 novembre.

L’incontro, che è stato ideato dall’Associazione Barcellona Live, editrice del giornale online 24live.it, è stato co-organizzato dall’Associazione Italiani Giovani Avvocati, dal Lions e dal Leo Club, con il patrocinio del Comune e dell’Ordine Avvocati di Barcellona Pozzo di Gotto. 

All’incontro ha partecipato il Prof. Francesco Pira, autore del libro “Giornalismi – la difficile convivenza con fake news e misinformation”, di cui è autore insieme ad Andrea Altinier. lo spunto per moltissimi argomenti attorno ai quali ruoterà la tavola rotonda di questa sera.

Dopo i saluti a cura della Prof.ssa Flaviana Gullì, Presidente dell’Associazione Barcellona Live nonchè Caporedattore di 24live.it; dei Presidenti Lions e Leo Club, Dott. Beppe Iacono e Sara Basilicò; della componente della giunta nazionale AIGA Avv. Mariella Sottile; hanno avuto inizio i lavori.

La conversazione con il Prof. Francesco Pira è partito dal testo del suo “Giornalismi” suddiviso in cinque capitoli: il primo che fotografa la dieta mediatica degli italiani, il secondo che illustra i modelli ed i processi che stanno dietro il mondo dell’informazione, il terzo che individua il ruolo dell’ufficio stampa, il quarto capitolo sui nuovi trend o generi del giornalismo ed infine, il quinto sulle contromisure alle fake news che non si esaurisce nel fact checking, ma richiede oggi la creazione di un controflusso. Il saggio delinea il profilo di un italiano sempre più orientato all’informazione disintermediata, ma che consuma su molteplici piattaforme: un consumatore multitasking che, mentre, guarda la televisione posta su facebook e lascia commenti su Twitter. In questo contesto mediale è cambiato il ruolo dell’ufficio stampa che si è trasformato in un’attività di reputation management, quindi alle attività classiche si deve aggiungere « la capacità di gestire i diversi fl ussi di comunicazione». La vera sfida è costruire, valorizzare e difendere la reputazione attraverso la gestione dei diversi strumenti a disposizione. Il testo, inoltre, individua la nascita di due nuovi sezioni all’interno dei contenitori di informazione: il food ed il social gossip su tutti. La politica rimane tra i temi seguiti, ma oggi si declina sui social con Di Maio e Salvini che hanno danno una vita ad una corsa che li ha vista twittare e postare anche 30 messaggi in un giorno.

Il Prof. Pira ha messo i presenti nella condizione di analizzare in maniera oggettiva la realtà quotidiana di ciascuno di noi, lettore medio e consumatore di social, passando attraverso l’utilizzo (anche il più banale) del nostro telefono cellulare che ha sostituito ogni attrezzo di prima necessità. Da un’analisi oggettiva della quotidianità è poi passato all’analizzare il mestiere di giornalista ai giorni nostri, senza perdere di vista la platea, per lo più di avvocati, che in maniera attenta ha pazientato ed ottenuto anche la rivisitazione di ogni professione, compreso quello di avvocato.

Fulcro centrale di tutta la tavola rotonda sono state le notizie, soprattutto quelle false che si diffondono in rete alla velocità della luce. Ma un danneggiato come può reagire dal punto di vista legale? E’ quello che ci è chiesti insieme all’Avvocato Giulio De Carolis che ha relazionato su argomenti relativi ai social e alla velocità con la quale si divulgano le notizie in rete, entrando nel merito dei profili del “Danno da rete”, con specifico riferimento ai profili risarcitori. L’Avv. De Carolis del Foro di Pescara ha raggiunto Barcellona Pozzo di Gotto per disquisire su un modo essenziale di leggere la realtà che spetta soprattutto agli operatori del diritto. 

Un altro spaccato dell’evoluzione della Professione Forense al tempo dei social network ed agli aspetti deontologici connessi all’uso e a cattivo uso degli stessi da parte dei professionisti ci è stato, poi, offerto dall’Avv. Giuseppina Siracusa del Foro di Barcellona Pozzo di Gotto e componente del Consiglio Distrettuale di Disciplina Forense di Messina, nonché membro del Lions Club cittadino.

L’evento è stata l’occasione giusta per confermare che l’associazionismo cittadino è la scelta vincente se si tiene a fare divulgazione non scontata e atta a fornire un quadro lucido e puntuale dell’evoluzione del nostro tempo.