Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il movimento “Città Aperta” ricorda Rita Borsellino con due dibattiti sull’impegno per il territorio

Autore: . Pubblicato il 29 novembre 2018. Inserito in Attualità, Politica.

Il Movimento Città Aperta ricorderà la figura di Rita Borsellino, che è stata il punto di partenza per il progetto politico e sociale che ha portato all’impegno diretto in politica di coloro che hanno aderito allo stesso movimento. Lo farà con due dibattiti, presso il parco urbano Maggiore La Rosa, proprio sul tema della partecipazione sociale alla vita del proprio territorio, sulla scia del metodo basato sull’impegno e sulla concretezza, qualità che Rita ha incarnato fino all’ultimo giorno di vita.
I due cantieri aperti si svolgeranno Venerdì 30 novembre e sabato 1 dicembre a partire dalle 18. Il primo appuntamento, quello di venerdì, sarà dedicato al tema della partecipazione politica. Al tavolo dei relatori siederanno Maria Teresa Collica nella doppia veste di moderatore e di esponente di Città aperta, ed i rappresentanti di forze politiche e sociali impegnate da anni nella promozione della politica dal basso: Alfio Foti, braccio destro di Rita e fondatore di Un’altra storia; David Mascali, esponente del Presidio Partecipativo del Patto del Fiume Simeto e Ivana Risitano, membro di Cambiamo Messina dal Bass. Concluderà i lavori l’on. Claudio Fava, Deputato regionale, promotore del Movimento Cento passi per la Sicilia. Al centro del dibattito, che sarà arricchito con altri interventi programmati, la necessità di elaborare strategie capaci di riportare al centro dell’azione politica la dimensione partecipativa, attraverso la costruzione democratica di percorsi condivisi.
Il secondo dibattito, in colloborazione con l’ordine degli Architetti di Messina, metterà al centro del confronto il tema della rigenerazione urbana attraverso il contributo di un parterre di relatori altamente qualificato: Antonio Presti, fondatore di Fiumara d’Arte; Alessandro Cacciato del Farm Cultural Park di Favara; Claudio Lucchesi, direttore di U.F.O. Italia; Alessio Barchitta del Collettivo Flock di Barcellona P.G.; Tonino Privitera dell’Associazione culturale Cannistrà e infine Matteo Calabrò, esperto di urbanistica che presenterà un progetto per la città del Longano. Il dibattito, coordinato da Raffaella Campo, Consigliere Comunale e membro di Città Aperta, si prefigge di riportare al centro del dibattito politico la Città come luogo pensato e organizzato in funzione delle reali esigenze degli abitanti, nel rispetto della sostenibilità ambientale, della vivibilità, della vocazione turistico-culturale. A conclusione dell’evento, sarà possibile visitare una mostra espositiva sul tema della rigenerazione urbana presso la galleria “Seme d’Arancia”. La partecipazione al convegno attribuirà 3 crediti formativi presso l’Ordine degli Architetti di Messina.
Cantieri aperti