Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Barcellona Pozzo di Gotto rende omaggio al maestro figurativo Luigi Ghersi

Autore: . Pubblicato il 30 novembre 2018. Inserito in Associazioni in città, Attualità, Cultura.

“La verità nel disegno di Luigi Ghersi”è stato l’argomento principe affrontato nel convegno a lui dedicato con relativa mostra di disegni, inaugurata presso la sede di GALLERIA PROgetto città.

L’evento

A promuovere l’evento culturale di grande rilevanza è stata la Galleria Progetto Città diretta dall’architetto Rosario Andrea Cristelli, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti e della Fondazione Architetti nel Mediterraneo di Messina, con l’Università della Terza Età di Barcellona e con il patrocinio del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. Nella sala conferenze del Parco La Rosa, dopo aver ricordato la figura intellettuale e umana dell’architetto Umberto Giorgio, Presidente della Fondazione Architetti nel Mediterraneo scomparso il giorno precedente, la cui camera ardente era contestualmente aperta in quel momento nella sede dell’Ordine degli Architetti di Messina, si è proceduto con i lavori del convegno ed infine con l’inaugurazione della mostra dei disegni di Luigi Ghersi nella attigua sede dell’Associazione Culturale GALLERIA PROgetto Città.

Il convegno

I saluti dell’Ordine degli Architetti P.P.C. li ha portati il consigliere architetto/artista Fabrizio Ciappina, sottolineando il ruolo fondamentale di  GALLERIA PROgetto Città e il riconoscimento nazionale della figura di Ghersi che andrebbe ulteriormente promossa e valorizzata. Mostrando profondo apprezzamento per gli eventi notevoli organizzati in questi anni dall’architetto Cristelli, ha ribadito che l’Ordine degli Architetti sarà sempre disponibile per future promozioni e collaborazioni. La Professoressa Tanina Caliri, Rettore dell’Università della Terza Età si è detta orgogliosa del sodalizio instauratosi tra l’Università della Terza Età e la Galleria PROgetto Città, ricordando con gioia sia una mostra di Ghersi parecchi anni fa a Castroreale, in una chiesa sconsacrata che successive attività didattiche svolte con grande interesse e successo con i suoi alunni.

L’architetto Cristelli ha introdotto la Dottoressa Sara Fraga Peréz, a Barcellona P.G. per un tirocinio formativo presso la GALLERIA PROgetto città grazie a un progetto Erasmus con EProjectConsult e con l’Ass.Cult. A Rocca che, oltre ad aver supportato la cura della mostra sotto la guida dell’architetto Cristelli, ha proposto un’interessante relazione intitolata “Cercando la verità di Ghersi nell’immaginario spagnolo”, partendo dal testo critico dello stesso Cristelli scritto per l’occasione, mettendo a confronto opere di Ghersi con opere di autori spagnoli come Velasquez, Picasso, e Francis Bacon.

La dottoressa Barbara Fazzari, restauratrice ed esperta delle opere di Ghersi, ha proposto un’interessantissima relazione dove con perizia e scrupolosa precisione ha illustrato le opere fondamentali dell’artista, approfondendo le pitture murali realizzate in importanti luoghi pubblici, sculture e bassorilievi, illustrando con documenti d’archivio anche inediti e preziosi la loro genesi, dal bozzetto preparatorio fino alla stesura finale attenzionando le continue modifiche che l’autore apportava ai dipinti in corso d’opera. Interessante la lettura dell’opera “Il processo: omaggio a Boris Giuliano ucciso dalla Mafia il 21 luglio 1979”, scelto da Vittorio Sgarbi per la Biennale di Venezia nel 2011 e successivamente portato in mostra, sempre a cura di Vittorio Sgarbi nelle mostre di Pantelleria, Catania e Palermo: artisti di Sicilia da Pirandello a Iudice.

Lina “Linuccia” Fazzari, moglie e musa ispiratrice dell’artista, ne ha ripercorso la biografia con grande trasporto emotivo, enfasi e piacevolissima teatralità. Nato a Messina nel 1932, ha frequentato l’Istituto d’arte di Firenze e si è laureato in Giurisprudenza a Messina. All’inizio della sua attività si è diviso tra giornalismo e arte, fino a quando ha abbandonato la prima attività per dedicarsi a tempo pieno solo all’arte. Si è soffermata sulle tantissime mostre, sul rapporto con gli artisti classici, sul recupero del “mestiere” e sulla cura dei particolari. Un artista che cammina dentro la storia, riparte dalla città vista con la “polis” greca piena di statue e affreschi per metterne in evidenza la bellezza, il sogno rinascimentale della città ideale.

L’assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione Avvocato Ilenia Torre, nel porgere il saluto dell’Amministrazione Comunale, ha ringraziato gli organizzatori per aver messo al centro dell’attenzione questa importante figura di artista ed ha conferito una targa alla carriera con la seguente motivazione:

“In segno di gratitudine, per la sua missione culturale, vissuta con grande onestà intellettuale ed integrità morale, per aver indagato attraverso il simbolo le debolezze ed i valori dell’essere umano, per aver condiviso con la città di Barcellona Pozzo di Gotto, luogo della Cultura contemporanea regionale, la sua verità artistica attraverso l’intimità dei suoi disegni in Galleria Progetto Città”.

L’intervento del Maestro Ghersi

Infine è intervenuto il Maestro Luigi Ghersi, che dopo i ringraziamenti ha lanciato un appello per riportare alla luce le sue opere di scultura messinesi che attualmente risultano nascoste alla vista del pubblico, depositate in luoghi misteriosi.

L’inaugurazione della mostra

L’ultimo atto della manifestazione in onore del maestro messinese è stata l’inaugurazione della mostra dei suoi disegni nella sede della Galleria Progetto Città, al piano terra dell’ex stazione ferroviaria. Sono stati esposti una serie di disegni preparatori e schizzi a matita e a sanguigna, assieme ad un cavallo di grandi dimensioni e due disegni a sanguigna molto simbolici datati 2018: una capra, simbolo di prosperità ed un albero di ulivo simbolo di pace. Un evento di grande interesse che ha catalizzato l’attenzione del pubblico, costituito in gran parte da architetti e cultori d’arte, che hanno partecipato in religioso silenzio all’evento, rendendo omaggio a quel grande artista messinese, testimone simbolico e genio siciliano, mantenendo alto il ruolo di Barcellona come luogo regionale dell’arte contemporanea.

WhatsApp Image 2018-11-30 at 09.35.41

WhatsApp Image 2018-11-30 at 09.35.40 (1)

WhatsApp Image 2018-11-30 at 09.35.40

WhatsApp Image 2018-11-30 at 09.35.39

WhatsApp Image 2018-11-30 at 09.35.37

WhatsApp Image 2018-11-30 at 09.35.36

WhatsApp Image 2018-11-22 at 15.39.09