Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fumettomania presenta “Wolftag” con una mostra al Villino Liberty

Autore: Domenico Cutrupia. Pubblicato il 9 dicembre 2018. Inserito in Attualità, Cultura.

C’è chi si impegna da tempo per far conoscere il fumetto come arte e chi fa fumetti non per mestiere ma per pura passione. L’uno e l’altro si sono incontrati nelle sale del Villino Liberty di Barcellona Pozzo di Gotto in occasione della presentazione del fumetto “Wolftag” e della mostra espositiva dedicata al fumetto stesso. Si tratta dell’architetto Mario Benenati (animatore da anni dell’associazione Fumettomania Factory e instancabile organizzatore di eventi e progetti riguardanti il fumetto), lo sceneggiatore Antonino Coppolino e l’illustratore Salvatore Li Mandri (entrambi poliziotti per lavoro e fumettisti per passione), autori del fumetto presentato. L’incontro è stato impreziosito dalla presenza del noto critico d’arte Nino Sottile Zumbo che ha introdotto i presenti all’opera dei due artisti, spiegandone la genesi e i ricchi riferimenti culturali. La storia narrata dal fumetto è di genere fantastico con riferimenti storici arricchiti da una curatissima ricostruzione di ambienti, abiti e strumenti risultato di una ricerca storica attenta e puntigliosa. Il protagonista, un legionario romano, in lotta con i germani e con entità che nulla hanno di umano, attraversa i secoli. Le tavole, magnificamente illustrate da Li Mandri, immergono il lettore nelle diverse epoche rappresentate. Antonino Coppolino, lo sceneggiatore, è appassionato studioso di storia, uniformologia e oplologia e queste passioni si vedono tutte nel fumetto che è stato premiato come migliore graphic novel al Premio Nazionale “Le Figure della Parola” di Certaldo (vicino Firenze) ed è ora pubblicato dalla casa editrice palermitana Salvatore Insenga. Si tratta di una storia drammatica, tenebrosa e oscura, che si sviluppa in 40 pagine di bianco e nero. Salvatore Li Mandri ha spiegato come il suo lavoro sia stato realizzato con la tecnica dei buoni maestri di una volta (come Magnus, uno dei più grandi fumettisti del passato e suo idolo) con tavole disegnate a matita e ripassate con inchiostro di china su cartoncino, utilizzando prevalentemente pennino di peltro e calamaio. La copertina del fumetto è stata realizzata secondo la vecchia tecnica del dipinto ad olio. Il tutto senza usare tavoletta grafica o software vari. Mario Benenati ha speso molte parole di elogio per Coppolino e Li Mandri che «si dicono dilettanti ma sono molto più professionali di tanti professionisti». Nino Sottile Zumbo ha incantato i curiosi e gli appassionati presenti all’incontro spiegando come la lettura del fumetto lo avesse conquistato richiamandogli alla mente suggestioni e riferimenti culturali di alto spessore: dai sentieri interrotti di Heidegger, al pensiero negativo di Nietzsche e Céline, alla prosa di Kafka, alla meditazione sul tempo del Qoelet. Nel fumetto c’è spazio pure per Leonardo da Vinci, Francisco Goya e Albrecht Dürer poiché alcune loro opere sono esplicitamente citate e rappresentate. Non poteva esserci migliore presentazione per il fumetto “Wolftag” né migliore ambientazione del Villino Liberty che in quattro stanze mette in mostra venti tavole tratte dal fumetto e cinque tavole di studi dei personaggi e in un’altra stanza ospita l’anteprima di un nuovo fumetto cui Antonino Coppolino e Salvatore Li Mandri stanno già lavorando. L’incontro si è concluso con le parole dell’assessore alla cultura, Ilenia Torre, che ha ringraziato l’associazione Fumettomania Factory per l’opera meritoria di promozione e diffusione della cultura del fumetto portata avanti da decenni, opera che le consente di aver in corso ben otto progetti, cinque sul web e tre sul territorio. Con la presentazione della mostra sul fumetto di Coppolino e Li Mandri, Fumettomania Factory è tornata alle origini: alla scoperta e alla promozione di nuovi talentuosi artisti del fumetto. Un impegno che Mario Benenati vuol continuare a portare avanti e magari rendere più efficace con la realizzazione degli Archivi del fumetto, una fumettoteca per la città e per gli appassionati di fumetti e arte.
Il pubblico presente all'incontro culturale

Ilenia Torre, Mario Benenati, Nino Sottile Zumbo, Antonino Coppolino e Salvatore Li Mandri

Una delle tavole con citazione artistica

Una tavola con lo studio di un personaggio