Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il sindaco Materia: “L’intervento definanziato di Maloto è gestito dalla Città Metropolitana”

Autore: . Pubblicato il 10 gennaio 2019. Inserito in Attualità, Primo Piano.

Il sindaco Roberto Materia chiarisce la posizione dell’Amministrazione comunale in merito alla mancato finanziamento del consolidameneto di Maloto e Migliardo. “Le dichiarazioni rese dai consiglieri DR sulle pagine dei giornali sono alquanto imprecise, giacché se é vero che il progetto “Sistemazione del piano viabile regimentazione delle acque e sistemazione versanti strada di collegamento Migliardo-Maloto” è stato definanziato dalla recente deliberazione della Giunta Regionale n. 2 del 3 gennaio scorso, corrispondentemente è parimenti vero che non si tratta di un progetto proposto e/o gestito dal Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. Il progetto, infatti, riguarda un’infrastruttura di proprietà e nella competenza della Città Metropolitana di Messina e, dunque, un intervento attratto nelle sue esclusive attribuzioni: nessuna responsabilità, pertanto, é del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto o può essere attribuita alla sua Amministrazione. Riguardo al progetto in questione, abbiamo condotto la nostra attività nella cornice della mera azione politica – questa sì – facendosene promotrice nella fase preliminare della proposta, in sede di conferenza dei sindaci. Nessun progetto avrebbe dovuto – o anche potuto – presentare il Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. L’unica verità che resta é quella, purtroppo, che a soffrire del definanziamento del progetto resta la comunità barcellonese. Ben vengano, allora, le critiche, ma che siano accompagnate dalla verità, altrimenti si corre il rischio di incorrere – come in questo caso – in attacchi infondati ed anche ingenerosi anche verso gli uffici sono inequivocabilmente ed incolpevolmente indicati come inadeguati.
il primo cittadino chiede quindi un intervento della deputazione regionale, per cercare di recuperare il finanziamento. “E’ grave, comunque, che la Regione non si sia preoccupata di assicurare il mantenimento di un finanziamento che è fondamentale per un territorio fragile e già gravemente vulnerato come quello barcellonese. E’ chiaro tuttavia che l’Amministrazione comunale agirà in termini di dialettica politico-istituzionale a qualsiasi livello – come ha già fatto in diversi altri, e ben noti, casi – per cercare di recuperare la misura in questione. Muovendomi in questa direzione, allora, approfitto già di quest’occasione per fare un appello – un appello forte e accorato – a tutta la deputazione barcellonese all’Assemblea Regionale Siciliana affinché, a difesa del nostro territorio, conduca ogni possibile azione nei confronti degli Organi della Regione per recuperare il finanziamento in questione”.

Dopo la diffusione del comunicato del sindaco è arrivata la controreplica del capogruppo Dr, Lucia Puliafito, che attraverso i social network ha ricordato come l’intervento era stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche ed il sindaco stesso in occasione del voto sul provvedimento aveva sottolineato l’interessamento dell’amministrazione nell’assegnazione del finanziamento.