Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La nuova rete ospedaliera ridà dignità all’ospedale di Barcellona

Autore: . Pubblicato il 11 gennaio 2019. Inserito in Attualità, Primo Piano.

Con la firma del decreto da parte dell’assessore alla sanità Razza, dopo l’approvazione del Ministero della Salute, diventa esecutivo il piano di riordino della rete ospedaliera siciliana. Secondo quanto previsto dal provvedimento definito dalla Regione ed approvato dal Ministero della Salute e dell’Economia, il presidio di Barcellona riacquista la sua autonomia, e la sua dignità ma cosa ancora più importante viene mantenuta l’area dell’emergenza-urgenza con il Pronto soccorso generale e con le branche specialistiche afferenti all’urgenza e cioè Chirurgia generale, Ortopedia (trasferita a Milazzo nei primi anni novanta) e Cardiologia, che si aggiungono alla Neurologia. Sempre secondo il nuovo piano di riordino della rete ospedaliera dovrà essere ripristinata l’unità di Urologia che era stata soppressa circa un anno orsono e che tanti disagi aveva creato a tanti pazienti costretti a rivolgersi ad altre strutture distanti anche centinaia di chilometri. Sarà istituita inoltre l’unità operativa di Oncologia medica, che ridurrà i disagi di tanti cittadini del comprensorio costretti sinora a viaggi estenuanti per effettuare terapia salvavita e per le patologie post-acuzie sono previste la Riabilitazione già operativa ed la Geriatria.

“La nuova rete ospedaliera – sottolinea il sindaco Roberto Materia – riassegna al Cutroni Zodda dignità e autonomia che sono presupposto per il recupero di una funzionalità e di un’efficienza che negli ultimi anni erano andate perdute per effetto delle scellerate scelte del precedente Governo regionale. E’ una bella notizia per il nostro territorio ed è una bella notizia anche per questa Amministrazione comunale che per questo obiettivo – che è un obiettivo di civiltà – ha lottato sin dal primo giorno del suo insediamento, insieme ai Sindaci dei Comuni del Distretto socio-sanitario 28, senza mai cedere un momento. Per fortuna di tutti sono passati i tempi del Governo Crocetta e delle promesse vane del suo Assessore alla Salute, On.le Gucciardi, di quell’Assessore che firmava impegni solenni che il giorno dopo platealmente disattendeva. Grazie, dunque, al Presidente Musumeci e all’On.le Ruggero Razza, attuale Assessore Regionale alla Salute, che non hanno firmato alcun impegno ma hanno semplicemente agito, con concretezza, equilibrio e buon senso. E grazie, naturalmente, a tutta la deputazione regionale barcellonese – gli On.li Calderone, Catalfamo e Galluzzo – i quali tutti hanno incessantemente accompagnato e sostenuto l’Amministrazione e la comunità in questa battaglia di civiltà. Nella visita al “Cutroni Zodda” del neo commissario straordinario dell’ASP di Messina, Paolo La Paglia, di cui ho avuto notizia attraverso la stampa, è emersa la volontà di garantire una pianta organica completa in ogni reparto ed è stato prospettato il completamento del percorso di potenziamento del presidio – frutto della recuperata autonomia – con il ritorno delle divisioni di ortopedia ed urologia. Quale rappresentante della comunità cittadina avrò certamente modo di incontrare il Dr. La Paglia il prima possibile, per un confronto su questi e su ogni altro tema che riguarda la sanità pubblica comprensoriale”.

“Dopo anni di battaglie sostenute a tutti i livelli – afferma l’esperto del sindaco Giancarlo Torre – possiamo sicuramente affermare che l’ospedale di Barcellona non sarà cancellato. Sono stati mantenuti gli impegni assunti in campagna elettorale dal Presidente Musumeci e successivamente dallo stesso Assessore alla sanità Razza.
Tale risultato è ancora più importante ove si pensi che il precedente governo regionale, nonostante le garanzie espresse davanti ai Sindaci dell’intero distretto sanitario aveva di fatto messo una pietra tombale sull’Ospedale di Barcellona, privando un’intera comunità dei livelli essenziali di assistenza. Indubbiamente l’impegno profuso dai deputati regionali On. li Calderone, Catalfamo e Galluzzo ha contribuito notevolmente alla causa dell’ hinterland di Barcellona. Sarà compito del nuovo Direttore Generale appena insediato, ad attuare la nuova organizzazione delle rete ospedaliera, ma sarà compito delle Istituzioni vigilare e far divenire realtà ciò che oggi sebbene ufficiale è solo sulla carta”.