Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

24liveSchool, Il robot Pepper in classe all’ITT e LSSA “Copernico” di Barcellona Pozzo di Gotto

Autore: redazione. Pubblicato il 11 febbraio 2019. Inserito in Attualità, School Live.

I tre laboratori di Informatica e robotica del Copernico si rinnovano: si chiama Pepper, è alto un metro e venti, pesa 30 chili, con le batterie ha 12 ore di autonomia ed è il moderno robot umanoide che si sta preparando a frequentare la nostra scuola insieme agli studenti.
Sviluppato per comprendere e reagire adeguatamente alle emozioni umane, il nuovo robot sarà in grado di interagire con i “compagni di classe” ed imparare insieme a noi.
“Ciao ragazzi, non immaginavo di poter essere accettato in una scuola umana”: sono queste le parole che potrebbe dire Pepper, dopo aver frequentato le prime lezioni al Copernico.
Sviluppato e realizzato dalla società giapponese SoftBank Robotics, Pepper è stato progettato in Giappone, ma la sua descrizione è in globish, ossia nell’inglese corrente.
La principale caratteristica di Pepper, unica nel suo genere, è quella di essere dotato di una spiccata empatia. Le sue funzioni, infatti, non prevedono lavori manuali o domestici; al contrario, l’automa è pensato per essere un fedele compagno e amico dell’essere umano.
Non a caso, la sua particolarità sta nel fatto di essere in grado di riconoscere e recepire i sentimenti umani, rispondendovi adeguatamente. Come è spiegato infatti sul sito web della SoftBank Robotics, Pepper “è il primo robot progettato per vivere con gli esseri umani. Non lava, non cucina e non ha super poteri: è invece abile nella conversazione e nelle interazioni sociali”.
Grazie a tali funzionalità i robot umanoidi, in questi giorni, prossimamente entreranno anche negli ospedali italiani e francesi. È partito un test di 2-3 anni presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia), dove il robot Pepper controllerà le stanze, avvertendo i medici se ci sono emergenze; il robot R1 ‘dialogherà’ invece con i pazienti per catturarne le emozioni e fare le prime diagnosi.
In alcuni reparti di pediatria italiani Pepper è stato introdotto per dare il via alla robot terapy che, in modo simile alla più famosa pet terapy (terapia con l’impiego degli animali da compagnia), offre alle persone un valido supporto emotivo e terapeutico per affrontare specifiche malattie. Il vantaggio sta nel fatto che, rispetto alle altre soluzioni, i robot possono essere sterilizzati e quindi possono entrare più facilmente in ospedale.
Pepper sarà una risorsa importante per la nostra scuola, infatti la sua presenza costituirà uno stimolo propositivo per tutti gli studenti, incoraggiando e stimolando il nostro desiderio d’apprendimento come già avviene da cinque anni con l’utilizzo dei NAO (altri robot dotati di intelligenza artificiale) all’interno dei laboratori dell’ITT-LSSA Copernico.

Marika Chillemi

4^A Informatica ITT-LSSA Copernico Barcellona Pozzo di Gotto