Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

8 marzo è #farsibellanonèunacolpa, la nota dell’assessore Angelita Pino

Autore: redazione. Pubblicato il 8 marzo 2019. Inserito in Attualità, Politica, Primo Piano.

“Solo sgomento e profonda, profondissima rabbia per ciò che è accaduto a Messina nella mattinata di ieri.” Inizia così la riflessione dell’Avv. Angelita Pino, assessore alla cultura e alle pari opportunità del comune di Barcellona Pozzo di Gotto che, in una diffusa nota stampa riflette sull’importanza dell’8 marzo e sull’odierna società liquida che ci porta ad essere poco umani.

“La barbara uccisione della giovane Alessandra Musarra nella sua abitazione, per mano del suo fidanzato, è l’ennesimo, spregevole episodio di violenza ai danni di una donna, cui si aggiunge quello – registrato in provincia di Napoli sempre nella giornata di ieri – che ha visto come vittima la trentaseienne Fortuna Bellisario. E’ davvero avvilente – a maggior ragione in una giornata, come quella dell’8 marzo, in cui vengono ricordati i riconoscimenti raggiunti dalle donne nel percorso di crescita civile ed emancipazione sociale – dover affrontare l’ennesimo (rectius, gli ennesimi) casi di femminicidio, divenuto ormai un vero e proprio allarme sociale, tanto il fenomeno è diffuso e preoccupante. Come donna e come Assessore alle Pari Opportunità, sento il bisogno di manifestare la mia vicinanza alla famiglia della giovane Alessandra, oltre che profonda indignazione e disgusto per quello che è solo l’ultimo, in ordine di tempo, degli innumerevoli episodi di violenza di genere. Apprendiamo adesso che la vittima, pochi giorni prima della sua morte, avrebbe scritto sui social che “le violenze sulle donne sono in mille modi…” E mai affermazione fu più veritiera, purtroppo.”

Angelita Pino va oltre e riflette sul tema, dopo un’attenta analisi sociologica. “Dagli interessanti confronti avuti in questi mesi con le volontarie del centro antiviolenza Frida Onlus (sezione di Barcellona P.G.) che – solo nello scorso anno – ha ricevuto oltre 200 segnalazioni di episodi di violenza ai danni delle donne – ho potuto tristemente dedurre che la violenza fisica è quasi sempre accompagnata, o preceduta, da quella verbale e/o psicologica. Pur se sembra inaccettabile al giorno d’oggi, esistono numerosissimi casi di limitazione e compromissione della libertà stessa delle donne, sia essa di azione, pensiero, movimento, espressione… Viene loro impedito di vestirsi in un determinato modo, piuttosto che di pettinarsi o truccarsi come meglio credono. Ecco spiegata la ragione dell’iniziativa #farsibellanonèunacolpa, patrocinata dal mio Assessorato: dire NO con fermezza e decisione a qualsiasi forma o tentativo di limitazione della donna nella propria libertà di essere se stessa, e quand’anche di farsi bella.  Un’iniziativa certamente singolare che, con un approccio apparentemente “leggero”, vuole sensibilizzare su un tema di straordinaria gravità, nella profonda convinzione che al “brutto” della violenza debba sempre e con decisione contrapporsi il “bello”…ossia la bellezza data dal coraggio, dalla forza, e dalla fierezza di ogni donna.”