Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

24liveSchool, Shoah il ricordo “cammina” sempre accanto a Noi

Autore: . Pubblicato il 14 marzo 2019. Inserito in Attualità.

Commozione, lacrime, rabbia, è questo quello che si leggeva negli occhi dei presenti, venerdì 8 Febbraio, nell’auditorium dell’I.C “Bastiano Genovese”, dove ogni singolo alunno ha contribuito a ricordare il dramma della Shoah con poesie, musiche, immagini, video e cartelloni. Tutto ha avuto inizio con l’ingresso di alcuni compagni che tenevano in mano piccole torce accese, simboli di speranza, luci che illuminano il buio dell’ignoranza e della cattiveria umana. Successivamente sulle note di “Aushwitz” sono state proiettate immagini di giovani, bambini ed esseri umani innocenti, massacrati e uccisi come bestie. Costoro, deportati nei campi di concentramento, non avevano più un’identità, corrispondevano solo ad un numero di matricola. Durante la manifestazione, molte sono state le citazioni e le testimonianze su chi è riuscito a salvarsi. Sono stati letti alcuni passi tratti dal diario di Anna Franck e dalle poesie di Primo Levi. Il vero messaggio è arrivato chiaro e prepotente nei nostri cuori: ”ciò che è accaduto, non può e non deve accadere di nuovo!”. La rappresentazione è durata circa 2:00 h, ma alcune frasi sentite in quest’occasione rimbomberanno a lungo nella  testa di ognuno di noi. L’intero evento ha avuto come leitmotiv una canzone di Guccini che, sicuramente alla nostra età, non avremmo ascoltato spontaneamente, ma che ha lasciato dei tatuaggi nella nostra memoria: ”Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello…ma ancora tuona il cannone e ancora non è contento di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento. Io chiedo quando sarà che l’uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare e il vento si poserà…”. Lo studio, la scuola, dibattiti e occasioni come queste, servono proprio a ciò, a far conoscere gli orrori del passato, a scuotere i nostri giovani animi e a formare generazioni che, si spera, non ripeteranno le stesse brutture.

Giada Pirri
Classe II A
I.C Bastiano Genovese