Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fibrosi Cistica, nominata all’Ars la Commissione Regionale

Autore: . Pubblicato il 15 maggio 2019. Inserito in Attualità, Politica.

La Commissione Salute, Servizi Sociali e Sanitari all’Ars ha ricevuto ieri il Comitato provinciale di Messina della Lega Italiana Fibrosi Cistica, in un incontro proficuo terminato con l’approvazione ufficiale del decreto assessoriale che si occupa della nomina della Commissione Regionale, istituita con l’obiettivo di supportare l’aggiornamento dei presidi sanitari deputati alla diagnosi e trattamento della Fibrosi Cistica, per assistere al meglio i soggetti affetti da questa grave malattia.

L’Onorevole Tommaso Calderone, del Gruppo Parlamentare di Forza Italia e Componente della Commissione Salute, ha ringraziato l’Assessore Razza, per essersi sempre dimostrato sensibile alla problematica e pronto a intervenire concretamente, predisponendo in tempi rapidi il Decreto di nomina della Commissione Regionale. L’onorevole ha inoltre dichiarato: “A seguito della richiesta a me fatta dall’Avv. Mariella Sciammetta, Presidente del Comitato messinese della Lega Italiana Fibrosi Cistica, e dal prof. Giuseppe Magazzù, del Policlinico di Messina, ho chiesto che in Commissione Salute si potesse svolgere un confronto tra l’area sanitaria e le Istituzioni, al fine di esporre le criticità circa l’approccio strutturale a una malattia genetica a decorso potenzialmente fatale.

La fibrosi cistica è una malattia genetica grave, tra le più diffuse al mondo, una patologia che colpisce in particolar modo l’apparato respiratorio e digerente, dovuta a un gene mutato, chiamato gene CFTR (Cystic Fibrosis Transmembrane Regulator), che, con la produzione di un muco eccessivamente denso, determina la chiusura dei bronchi, portando a ripetute infezioni respiratorie e ostruzione del pancreas, così da impedire agli enzimi pancreatici di raggiungere l’intestino e, di conseguenza, non permettendo al soggetto di digerire e assimilare i cibi.

In Italia, solo oltre 5.300 i pazienti affetti da fibrosi cistica, di cui 496 in Sicilia. La terapia ha avuto però, fortunatamente, negli ultimi anni un notevole sviluppo e, grazie all’utilizzo di nuovi farmaci e di una legislazione più partecipe, adesso è possibile aumentare l’indice di sopravvivenza media.

È lecito ambire al miglioramento di tale indice, anche grazie a un monitoraggio costante. Il Compito della Commissione Regionale contribuirà a raggiungere tale scopo, nell’ottica di una riorganizzazione dei presidi sanitari, chiamati a diagnosticare e trattare la Fibrosi Cistica, oltre che a vigilare sull’applicazione delle procedure stabilite dalla normativa aggiornata”, conclude con queste parole l’On. Calderone.