Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nuova rete ospedaliera, gli atti aziendali saranno fondamentali per ridare autonomia al Cutroni Zodda

Autore: . Pubblicato il 15 maggio 2019. Inserito in Attualità.

L’invio a procedere alla definizioni degli atti aziendali da parte del nuovo direttore sanitario dell’Asp Messina sarà un passaggio decisivo per rendere operativa la nuova rete ospedaliera, così come approvata dall’assessore regionale alla sanità Ruggero Razza. Lo schema predisposto dalla Regione riconsegna l’autonomia al presidio Cutroni Zodda di Barcellona come ricorda Giancarlo Torre, esperto alla sanità del sindaco Roberto Materia.

“Dopo l’approvazione della rete ospedaliera e delle linee guida inviata dell’assessore Razza – precisa Torr – i direttori sanitari dovranno predisporre entro 30 giorni gli atti aziendali, adeguandoli alla disposizione delle nuova rete ospedaliera. I nuovi atti aziendali saranno sottoposti al parere consultivo della conferenza dei sindaci e delle organizzazioni sindacali e poi saranno successivamente inviati all assessorato per la definitiva approvazione. L’atto aziendale col quale saranno recepite le direttive del governo regionale inerenti la nuova rete ospedaliera sarà atto propedeutico alla piedisposizione delle nuove piante organiche che assegnerà il personale alle varie strutture sanitarie. Tale passaggio è di fondamentale importanza per l’Ospedale di Barcellona, che a tuttoggi viene considerato capziosamente un ospedale fantasma (sic!) ma che negli ultimi tempi, dopo l’approvazione della rete ospedaliera ha mostrato dei chiari segni di ripresa. Sarà finalmente una struttura autonoma e non dipenderà da altro ospedale. Potranno essere ripristinate discipline che nel tempo sono state soppresse quali l’Urologia e l’ortopedia e potrà essere istituita ex novo la Oncologia medica che mitigherà i disagi di tanti malati oncologici costretti ad estenuanti viaggi per effettuare terapie antiblastiche. Adesso pertanto spetterà al Direttore Generale predisporre gli atti deliberativi e gli atti sequenziali per risolvere definitivamente le problematiche che negli ultimi anni forse addirittura decenni hanno interessato tutto l’hinterland barcellonese”.